SOCIETA’: scissione parziale e sopravvenienze attive

In Diritto Societario
Tribunale di Roma, sezione terza, sentenza n. 6663 del 04/04/2017 [Leggi provvedimento]
Redatto dall’Avv. Rita Claudia Calderini

Con la scissione della società non si ha automaticamente l’estinzione di una persona giuridica ovvero la nascita di due nuovi soggetti giuridici in quanto si ha, da un lato, la continuazione dell’esistenza della società scissa e, dall’altro, la costituzione di un nuovo soggetto giuridico, cioè la società beneficiaria del trasferimento di beni e diritti in seno all’operazione di scissione; la società beneficiaria, dunque, succede nei rapporti giuridici ricompresi nel patrimonio oggetto del trasferimento ed originariamente facenti capo alla società scissa”.

Con la sentenza in commento, il Tribunale di Roma si è pronunciato sugli effetti di una scissione societaria parziale sui crediti maturati dalla società scissa, antecedentemente l’operazione straordinaria.

Nel caso di specie, la società alfa, costituita a seguito della scissione, agiva in giudizio nei confronti della società scissa (entrambe operanti nel business alberghiero) al fine di vedersi attribuita la somma liquidata in via giudiziale, a titolo di risarcimento danni, a favore della società scissa beta.

Invero, in data 12/10/2006, e quindi precedentemente alla richiamata scissione, si era verificato un sinistro stradale per il quale la convenuta società beta aveva richiesto ed ottenuto il risarcimento dei suddetti danni ai responsabili civili.

Il risarcimento riconosciuto riguardava nello specifico i danni materiali subiti dalla porta girevole dell’azienda alberghiera alfa ed i danni all’immagine per lo slittamento della data di inaugurazione del medesimo albergo.

Ad avviso di parte attrice, appariva evidente che la somma liquidata a titolo di risarcimento danni dovesse essere ad essa attribuita in considerazione del trasferimento di parte del patrimonio della società scissa nell’atto di scissione parziale.

Di contro, la convenuta allegava che il sinistro stradale in oggetto non solo era avvenuto prima dell’atto di scissione del 19/3/2008, ma addirittura prima che si ipotizzasse la scissione stessa e che tutti i danni materiali dell’incidente erano stati prontamente riparati per procedere all’inaugurazione del nuovo albergo.

Con la sentenza in commento, il giudice di prime cure ha accolto le doglianze della società attrice affermando il seguente principio di diritto: “con la scissione della società non si ha automaticamente l’estinzione di una persona giuridica ovvero la nascita di due nuovi soggetti giuridici in quanto si ha, da un lato, la continuazione dell’esistenza della società scissa e, dall’altro, la costituzione di un nuovo soggetto giuridico, cioè la società beneficiaria del trasferimento di beni e diritti in seno all’operazione di scissione; la società beneficiaria, dunque, succede nei rapporti giuridici ricompresi nel patrimonio oggetto del trasferimento ed originariamente facenti capo alla società scissa”.

In particolare, l’articolo 2506 c.c. prevede che con la scissione una società assegna l’intero suo patrimonio a più società, preesistenti o di nuova costituzione, o parte del suo patrimonio, in tal caso anche ad una sola società, e le relative azioni o quote ai suoi soci (1° comma).

In ordine alla natura giuridica della scissione, il Tribunale romano ha affermato che si tratta di “un fenomeno traslativo di un compendio di beni e diritti, costituenti tutto (scissione totale) o parte (scissione parziale) del patrimonio della società scissa, con conseguente successione, rispettivamente a titolo universale ovvero a titolo particolare, delle beneficiarie o della beneficiaria nei rapporti giuridici originariamente facenti capo alla società scissa; dunque con la scissione – e a maggior ragione in quella parziale – non si ha automaticamente l’estinzione di una persona giuridica ovvero la nascita di due nuovi soggetti giuridici, in quanto si ha – da un lato – la continuazione dell’esistenza della società scissa e – dall’altro- la costituzione, sempre che il trasferimento non avvenga in favore di società preesistenti, di un nuovo soggetto giuridico, che è appunto la società beneficiaria del trasferimento di beni e diritti in seno all’operazione di scissione”. La società beneficiaria, tanto se costituita ex novo quanto se preesistente, succede nei rapporti giuridici ricompresi nel patrimonio oggetto del trasferimento ed originariamente facenti capo alla società scissa.

In forza di tale assunto, la neo costituita società beneficiaria alfa è divenuta titolare di tutti i rapporti giuridici attivi e passivi inerenti gli elementi patrimoniali ad essa trasferiti mediante la scissione; quindi la stessa, divenuta proprietaria dell’immobile in cui veniva esercitata l’attività aziendale e dei beni mobili costituenti l’azienda alberghiera anche della”Porta a bussola girevole” oggetto del sinistro stradale.

Pertanto, il Tribunale conclude affermando che la ricorrente deve ritenersi titolare del diritto di ottenere il risarcimento dei danni, così come accertati e liquidati in sede giudiziaria, a prescindere da chi possa aver originariamente riparato la porta danneggiata ovvero sostenuto le relative spese.

Tale conclusione sarebbe corroborata anche dallo stesso progetto di scissione nella parte in cui prevede che  qualora si fossero manifestate sopravvenienze attive pertinenti al patrimonio trasferito, quest’ultime sarebbero rimaste a favore della società beneficiaria.

Secondo il Tribunale, l’accertamento giudiziale inerente alla liquidazione del risarcimento, sopravvenuto a detta scissione, rientrerebbe a pieno titolo tra le sopravvenienze attive (anche se inerente a un sinistro ben precedente alla scissione).

Accogliendo le doglianze della ricorrente, il Tribunale ha quindi condannato la società assicurativa al pagamento della somma liquidata a titolo di indennizzo nei confronti della società beneficiaria.

Print Friendly, PDF & Email

You may also read!

Ecco perché una motovedetta della Guardia di Finanza può essere definita “Nave da guerra”.

Redatto dal Dr. Fabrizio Salvi Dott. Fabrizio Salvi Redattore Fabrizio Salvi, S. Tenente di Vascello del copro delle Capitanerie

Read More...

PROTOCOLLO D’INTESA: mercato legale 4.0

PROTOCOLLO D’INTESA IL MERCATO LEGALE 4.0, APERTO TRASPARENTE E FONDATO SULLE COMPETENZE. SOTTOSCRITTO DA:   A.N.U.T.E.L. (Associazione Nazionale Uffici

Read More...

Il Contratto internazionale

Il contratto commerciale internazionale Nel mondo globalizzato in cui viviamo, sono sempre più diffusi i rapporti di vendita internazionale,

Read More...

Mobile Sliding Menu