SOCIETA’: il rappresentante legale è legittimato ad esercitare il diritto di querela pur senza espresso mandato

In Diritto Societario
Cassazione penale, sesta sezione, sentenza n.3794 del 25/01/2017 [Leggi provvedimento]
Redatto dalla Dott.ssa  Giuseppina Verbena

Ai fini dell’esercizio del diritto di querela non è necessario che la società abbia conferito un apposito mandato in favore del legale rappresentante, dovendo tale potere ritenersi implicito nello stesso rapporto di immedesimazione organica che lega il rappresentante all’ente.

Questo è il principio di diritto affermato dalla sesta sezione penale della Cassazione, con sentenza n.3794/2017.

Nel caso di specie, la Corte d’Appello di Trieste, in data 12/01/2015, confermava la sentenza del Tribunale di Gorizia del 08/05/2013, con cui Tizio veniva condannato del delitto di cui all’art. 388, comma terzo, quarto e quinto, c.p., alla pena di mesi sei di reclusione, oltre che al risarcimento del danno cagionato alla parte civile.

Tizio, pertanto, proponeva ricorso per Cassazione avverso la sentenza della Corte d’Appello di Trieste, per violazione di legge ai sensi dell’art. 606, comma 1, lett. b) c.p.p., in relazione all’art. 337, comma 3, c.p.p..

In particolare, il ricorrente deduceva l’invalidità della querela, in quanto non sarebbe stato giustificato il potere di conferire al riguardo procura speciale, e pertanto, nel caso in esame, il proponente sarebbe stato un soggetto terzo, in quanto privo di potere.

Come già stabilito dalla sentenza della Cassazione n. 16150/2012, l’esercizio del diritto di querela, in mancanza di uno specifico divieto statuario o assembleare, rientra tra i compiti del rappresentante legale di una società di capitali e, pur trattandosi di un atto di straordinaria amministrazione, non richiede il conferimento di un apposito mandato.

L’iter logico seguito dalla sesta sezione penale della Cassazione affonda le proprie radici nella mancata contestazione da parte del ricorrente della sussistenza in capo al legale rappresentante del potere di sporgere querela, in quanto tale potere implica una immedesimazione organica, che di per sé include quello di conferire con procura speciale a terzi, la facoltà di sporgere querela in rappresentanza dell’ente. Pertanto, risulta manifestamente infondata la pretesa che il legale rappresentante debba dar conto del potere di rilasciare procura speciale per l’esercizio di quella facoltà, dal momento che lo stesso non ha bisogno di dar conto del proprio potere.

Per tali argomentazioni, la Cassazione con sentenza n. 3794/2017 ha dichiarato inammissibile il ricorso, condannando il ricorrente al pagamento delle spese processuali, e statuendo, dunque, che ai fini dell’esercizio del diritto di querela, la legittimazione debba ritenersi implicita nello stesso rapporto di immedesimazione organica che lega il rappresentante all’ente.

 

Print Friendly, PDF & Email

You may also read!

Breaking News: a Milano il Tribunale dei brevetti

«Se la Brexit farà il suo corso, non ha senso che una delle tre sedi principali del tribunale unificato

Read More...

Cruciverba legale: vediamo quanto ne sai!

Redatto dal dott. Armando Ottone Prova a risolvere il nostro primo cruciverba legale redatto dal dott. Armando Ottone. Vediamo

Read More...

PENALE: Autoricilaggio e clausola di non punibilità prevista dall’art. 648-ter c. 4 c.p.

Redatto dal dott. Gabriele Marasco Con la sentenza numero 30399 del luglio 2018, la Corte di Cassazione torna a

Read More...

Mobile Sliding Menu