Pubblico impiego privatizzato: l’inosservanza degli obblighi di buona fede e correttezza espone la PA al risarcimento del danno da inadempimento.

In Diritto amministrativo, Lavoro e Previdenza
Cassazione civile, sezione lavoro, ordinanza n. 26694 del 10/11/2017 [Leggi la sentenza]
Redatto dalla dott.ssa Sabrina Mazzocca

In tema di impiego pubblico privatizzato, nellambito del quale anche gli atti di conferimento di incarichi dirigenziali rivestono la natura di determinazioni negoziali assunte dallamministrazione con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, le norme contenute nel D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 19, comma 1, obbligano lAmministrazione datrice di lavoro al rispetto dei criteri di massima in esse indicati, anche per il tramite delle clausole generali di correttezza e buona fede (art. 1175 e 1375 c.c.), applicabili alla stregua dei principi di imparzialità e buon andamento di cui allart. 97 Cost.. Tali norme () obbligano la P.A. a valutazioni comparative, alladozione di adeguate forme di partecipazione ai processi decisionali e ad esternare le ragioni giustificativi delle scelte; laddove, pertanto, lamministrazione non abbia fornito nessun elemento circa i criteri e le motivazioni seguiti nella selezione dei dirigenti ritenuti maggiormente idonei agli incarichi da conferire, è configurabile inadempimento contrattuale, suscettibile di produrre un danno risarcibile.

La Suprema Corte, nel pronunciarsi sul ricorso proposto dal Comune di Roma, ritiene infondate le doglianze proposte contro la sentenza della Corte d’Appello che aveva respinto l’appello nei confronti della sentenza del Tribunale che, accogliendo intergralmente il ricorso presentato dal lavoratore, aveva ritenuto illegittime le ordinanze sindacali con le quali, in assenza di ogni qualsivoglia valutazione comparativa, erano stati conferiti incarichi dirigenziali e aveva condannato l’amministrazione al risarcimento del danno da perdita di chance.

La Pubblica amministrazione, infatti, quando agisce con la capacità e i poteri del datore di lavoro privato è tenuta al rispetto degli obblighi di buona fede e correttezza, con un’intensità addirittura maggiore di quanto è dato attendersi dalla generalità dei consociati.
Più in particolare, quindi, il rispetto degli artt. 1175 e 1375 c.c. è ostativo della possibilità di affidare gli incarichi dirigenziali su basi meramente fiduciarie, senza estrinsecare le motivazioni che inducono a scegliere un soggetto rispetto ad altri, parimenti dotati delle competenze richieste.
L’inadempimento di tali obblighi, di conseguenza, espone l’amministrazione all’azione di risarcimento del danno, intesa quale forma minimale di tutela, a fronte dell’impossibilità da parte del giudice di operare un intervento sostitutivo volto all’attribuzione dell’incarico.
La giurisprudenza, difatti, ritiene che, sebbene non sia ravvisabile alcune diritto soggettivo al conferimento dell’incarico, non si può negare che ricorra un interesse legittimo di diritto privato a che la pubblica amministrazione si attenga ai principi di imparzialità, efficienza e buon andamento.
In tali ipotesi, il danno risarcibile non può che essere quello da perdita di chance. Per tale motivo, il lavoratore deve offrire degli elementi che inducano il giudice a ritenere concreta la probabilità dell’esito positivo della selezione e, solo in un secondo momento, in base agli elementi acquisiti, il giudice potrà procedure alla liquidazione del quantum debeatur in via equitativa.

Print Friendly, PDF & Email

You may also read!

Ecco perché una motovedetta della Guardia di Finanza può essere definita “Nave da guerra”.

Redatto dal Dr. Fabrizio Salvi Dott. Fabrizio Salvi Redattore Fabrizio Salvi, S. Tenente di Vascello del copro delle Capitanerie

Read More...

PROTOCOLLO D’INTESA: mercato legale 4.0

PROTOCOLLO D’INTESA IL MERCATO LEGALE 4.0, APERTO TRASPARENTE E FONDATO SULLE COMPETENZE. SOTTOSCRITTO DA:   A.N.U.T.E.L. (Associazione Nazionale Uffici

Read More...

Il Contratto internazionale

Il contratto commerciale internazionale Nel mondo globalizzato in cui viviamo, sono sempre più diffusi i rapporti di vendita internazionale,

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Mobile Sliding Menu