LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO: come tassare le somme erogate in sede di transazione giudiziale

In Fisco e contabilità
Suprema Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza n.18629 del 23/09/2016 [Leggi provvedimento]
Redatto dalla Dott.ssa Susanna Trino

Per stabilire se le somme corrisposte ad un lavoratore in sede di transazione giudiziale per un licenziamento ritenuto illegittimo siano erogate a titolo di risarcimento del danno patrimoniale tassabile oppure del danno non patrimoniale non tassabile è necessario specificare in concreto la natura di tale risarcimento.

La Commissione Tributaria Regionale Lazio confermava il provvedimento con cui un contribuente aveva ottenuto il rimborso delle trattenute operate dall’Amministrazione Finanziaria sulla somma riconosciuta al contribuente nonché lavoratore, in sede di conciliazione giudiziaria, a titolo di risarcimento del solo danno non patrimoniale, per aver subito un licenziamento illegittimo.

I Giudici d’appello avevano ritenuto di dover far ricadere in capo all’Amministrazione Finanziaria l’onere di provare la diversa destinazione delle somme percepite rispetto a quelle indicate nel verbale di conciliazione, a titolo non patrimoniale e, quindi, non soggette a tassazione.

Tuttavia, la sezione tributaria della Suprema Corte ha accolto il ricorso promosso dall’Agenzia delle Entrate con riferimento alla denuncia di insufficiente, illogica e contraddittoria motivazione sulla sussistenza del danno non patrimoniale delle somme percepite dal lavoratore in sede di conciliazione e sulla non tassabilità di dette somme ai sensi dell’art. 6 T.U.I.R.

I Giudici d’appello si sarebbero infatti limitati ad affermare la rilevanza dell’identificazione del titolo che ha dato luogo all’erogazione delle somme indicate nel verbale di transazione, senza null’altro specificare e motivare.

Pertanto, conclusivamente, non sarà sufficiente fondarsi sulla qualificazione giuridica di danno patrimoniale o non patrimoniale indicata nel verbale di conciliazione per sostenere la tassabilità di dette somme ma sarà necessario specificare in concreto la natura delle stesse.

Print Friendly, PDF & Email

You may also read!

La compliance nella gestione dei rifiuti tra regole, best practice e responsabilità

Milano, 22 marzo 2019 – Hotel dei Cavalieri Piazza Giuseppe Missori, 1 – Ore 9:00 Venerdì 22 marzo alle

Read More...

Opzione put e divieto di patto leonino

Redatto dalla dott.ssa Roberta Mordà Una SPA propone ricorso dinanzi alla Corte di Cassazione avverso la sentenza di II

Read More...

La compliance nella gestione dei rifiuti tra regole, best practice e responsabilità

Il settore dei rifiuti è uno dei più esposti a evoluzioni e modifiche legislative, con la conseguenza, per chi

Read More...

Mobile Sliding Menu