Concordato con riserva: prima dell’omologa è vietato il pagamento dell’attestatore e dei professionisti redattori della domanda di concordato

In Fallimentare
Tribunale di Torino, sezione fallimentare, decreto del 24/01/2017 [Leggi il provvedimento]
Redatto dalla dott.ssa Sabrina Mazzocca

Durante il periodo di concordato con riserva e fino alla omologazione è vietato il pagamento dell’attestatore e degli altri professionisti incaricati della preparazione della domanda di concordato preventivo.

Il decreto del Tribunale torinese, nell’ammettere la società ricorrente alla procedura di concordato preventivo di cui all’art. 161 della legge fallimentare, sancisce l’obbligo in capo alla stessa di non procedere al pagamento dell’attestatore e dei professionisti che, a qualunque titolo, hanno prestato la propria opera nella redazione della domanda di concordato prima che sia intervenuta l’omologazione.

Il divieto è agevolmente comprensibile anche alla luce di un orientamento giurisprudenziale, ormai pacifico, secondo cui i crediti vantati da tali soggetti possono rientrare nella previsione di cui all’art. 111 comma 2 l. fall. solo nel caso in cui l’attività da essi svolta abbia condotto all’omologazione della proposta di concordato.
Difatti la norma richiamata sancisce la prededucibilità di quei crediti sorti in occasione o in funzione delle procedure concorsuali, evidenziando in tal modo il vincolo teleologico che deve necessariamente sussistere tra la prestazione d’opera – strumentale all’interesse della massa dei creditori – e il vittorioso esperimento della procedura.

Tuttavia, la giurisprudenza appare concorde nel ritenere che i crediti vantati dall’attestatore e dai professionisti che intervengono nella procedura siano ugualmente prededucibili ove la mancata omologazione sia la conseguenza di una scelta dei creditori (Tribunale di Rovigo, 12 dicembre 2013).

Print Friendly, PDF & Email

You may also read!

OPPOSIZIONE ALLO STATO PASSIVO: la tempestività del ricorso va verificata con riguardo al deposito dello stesso

Cassazione civile, sezione prima, sentenza n.16320 del 17/05/2017 Redatto dal Dott. Marco Formica “Nel procedimento regolato dall’art.

Read More...

Simulazione: la controdichiarazione non necessita della forma solenne

Cassazione civile, sezione seconda, ordinanza n. 18204 del 24/07/2017 Redatto dalla Dott.ssa Sabrina Mazzocca “Dall’art. 1417 c.c.

Read More...

BANCA: cosa accade se nel giudizio il cliente correntista lamenti la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi anatocistici?

Cassazione civile, sezione prima, ordinanza n.16188 del 28/06/2017 Redatto dalla Dott.ssa Giuseppina Verbena Interessi ultralegali non pattuiti

Read More...

Mobile Sliding Menu