Approvato «Testo Unico del Vino»

In Proprietà Intellettuale
Disegno di legge sulla «Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e commercio del vino» [leggi il provvedimento]

Il 21 settembre 2016, la Camera ha approvato il disegno di legge sulla «Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e commercio del vino» con il quale l’Italia punta ad avere una sola norma di riferimento per il settore vitivinicolo (cd. “testo unico del vino”).

La norma è di grande importanza per gli imprenditori attivi nel settore vinicolo e costituisce una novità mondiale che pone l’Italia in una posizione di avanguardia. Il vantaggio principale derivante dall’adozione del Testo Unico del Vino è costituito dall’accelerazione del percorso di semplificazione burocratica (e.g. le comunicazioni da effettuare all’ICQRF in merito alla planimetria dei locali degli stabilimenti enologici) nonché dall’accrescimento della tutela contro la contraffazione (i controlli sulle imprese del settore vitivinicolo confluiranno nel registro unico dei controlli cd. RUCI). Ad oggi, il mercato vinicolo vale più di 14 miliardi di euro ed il trend, contrariamente ad altri settori, è in costante crescita.

In particolare il progetto di legge si concentra su produzione, commercializzazione, denominazioni di origine, indicazioni geografiche, menzioni tradizionali, etichettatura e presentazione, gestione, controlli e sistema sanzionatorio.

Un’importante novità riguarda anche la facoltà per i vini DOP ed IGP di poter apporre in etichetta la denominazione di qualità, purché autorizzati dal Mipaaf d’intesa con la regione competente. E’ previsto che che solo le denominazioni di origine possono prevedere l’indicazione di sottozone, oltre alla coesistenza di più DOCG e/o DOC o IGT nell’ambito del medesimo territorio.

Il testo dovrà ora essere approvato dal Senato.

Print Friendly, PDF & Email

You may also read!

Finanziamento illecito ai partiti

Cassazione, sentenza 24158/2018 Redatto dal dott. Gabriele Marasco Il finanziamento illecito ai partiti può configurarsi tanto attraverso erogazioni di

Read More...

CONTRATTI TRA SOCIETA’ PARTECIPATE: è richiesta la forma scritta ad substantiam?

Corte di Cassazione, sentenza n.3566/2018 Redatto dalla dott.ssa Roberta Mordà La Corte di Cassazione con sentenza n. 3566/2018 ha

Read More...

Come proteggere il patrimonio familiare

Redatto dall’Avv. Franco Pizzabiocca Ti è mai capitato di temere di perdere il patrimonio personale e familiare a fronte

Read More...

Mobile Sliding Menu